News

10.03.2011

PRESENTATO LO SPORTELLO ANTI-STALKING DI ANCONA

Il Presidente nazionale dell’ADOC Pileri: “Diverse centinaia i casi finora assistiti.”

leggi »

10.02.2011

TRUFFATI O... INFORMATI!

Dal raggiro al furto di identità: come difendersi

leggi »

18.01.2011

L’ETICHETTATURA D’ORIGINE È LEGGE

Uno strumento per tutelare i consumatori e il “Made in Italy”

leggi »
[1]    <<    17  |  18  |  19  |  20  |  21  |  22  |  23  |  24  |  25  |  26  |  27  


IN EDICOLA »



Attività

Prenota un Appuntamento »

I nostri progetti »

Le nostre Pubblicazioni »

Tesseramento »

Contatti »

News

18/05/2020

ANTICIPO CASSA INTEGRAZIONE

L’ABI, l’associazione bancaria italiana, ha pubblicato lo scorso 15 maggio la lista aggiornata delle banche che hanno aderito alla Convenzione  sottoscritta  tra l’Abi e le sigle sindacali a fine marzo 2020.  L’accordo permette ai lavoratori che percepiscono la Cassa Integrazione di chiedere l’anticipazione del trattamento salariale in attesa dell’ accredito dell’ INPS.

La cassa integrazione verrà anticipata dalla banca del lavoratore, erogando  un importo complessivo massimo di € 1400,00 parametrati a 9 settimane di sospensione a zero ore (ridotto proporzionalmente in caso di durata inferiore della CIG), da riproporzionare in caso di rapporto a tempo parziale, e per una durata massima di sette mesi.Coloro che avrebbero diritto all’anticipazione bancaria sono i lavoratori che percepiscono le seguenti forme di integrazione salariale:

Precisiamo che inoltrare al proprio istituto bancario la richiesta per ricevere l’anticipo della cassa di integrazione non garantisce l’erogazione dell’anticipo stesso in quanto si tratta di una procedura  soggetta a valutazione del  merito creditizio da parte della banca.  A seguire, i moduli da compilare per la presentazione della domanda che trovate in allegato insieme all’elenco delle banche aggiornato al 15 maggio 2020.

 

Ogni Modulo è composto da 4 allegati in cui è incluso l’elenco dei documenti che supportano la domanda. Nel momento in cui l’INPS erogherà l’integrazione salariale, l’istituto bancario potrà recuperare quanto anticipato. Tuttavia, se l’anticipazione della CIG fosse seguita da una mancata corrispondenza da parte dell’INPS dell’integrazione salariale per non conformità della domanda  inoltrata dal datore di lavoro, il lavoratore dovrà restituire alla banca l’importo ricevuto.  La banca invece, in rispetto della Convenzione sottoscritta dall’ABI, non addebita al lavoratore  oneri ed interessi per la  presa in carico della domanda.

DOWNLOAD

Adoc Marche - Via XXV Aprile 37/a, ANCONA - Telefono 071/227531 Fax 071/2275380 - info@adocmarche.it - Privacy - Credits

Web Design e Developer