News

07.09.2017

BONUS ENERGIA

REQUISITI E MODALITA'

leggi »

08.06.2017

ADOLESCENTI E GIOCO D’AZZARDO

Il mezzo più pericoloso per giocare è il web

leggi »

02.06.2017

L'AMORE NON HA LIVIDI

La violenza e l'informazione

leggi »

30.05.2017

ALIMENTAZIONE: IL CIBO E LO SPORT

L’ADOC Marche incontra gli atleti dell’Associazione sportiva Jesi Beach Palace ASD

leggi »

29.05.2017

SERVIZIO CIVILE 2017

Pubblicato il bando per la selezione di volontari di Servizio Civile Nazionale.

leggi »

11.05.2017

SICUREZZA DEI CIBI E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

A Ripatransone il Care Sharing approda tra i ragazzi del Liceo “Mercantini”

leggi »

28.04.2017

IO SONO ORIGINALE

Al “Cuppari” di Jesi educazione contro la contraffazione

leggi »
[1]    <<    1  |  2  |  3  |  4  |  5  |  6  |  7  |  8  |  9  |  10  |  11    >>    [21]


IN EDICOLA »



Attività

Prenota un Appuntamento »

I nostri progetti »

Le nostre Pubblicazioni »

Tesseramento »

Contatti »

News

09/11/2018

LUDOPATIA

Il punto di vista dell'esperto per le problematiche legali ed economiche legate alla dipendenza da gioco d'azzardo. Sarà quello offerto dall'Adoc Marche in una serie di incontri che si terranno nel territorio dell'Area Vasta 2, a cominciare dal 14 Novembre a Jesi (dalle 16 alle 18), presso la ex Circoscrizione San Francesco, dove si terrào l'incontro dal titolo "L'Azzardo, ma che gioco è?" nell'ambito del Piano Regionale integrato 2018 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio da gioco d'azzardo e della dipendenza da nuove tecnologie e social network. Il 5 e il 18 Dicembre prossimi (dalle 17,30 alle 19,30) invece, l'Adoc Marcjhe terrà due incontri, rispettivamente per i familiari e per i soggetti affetti da ludopatia, promossi dal Dipartimento per le dipendenze patologiche dell'Area Vasta 2 presso la propria sede di Corso Stamira, 40 ad Ancona, dal titolo "Chi tutela il patrimonio". 

"Il gioco d'azzardo innesca tutta una serie di problematiche - afferma il presidente dell'Adoc Marche Marina Marozzi - che investono l'intero contesto familiare. Il primo nodo è certamente quello terapeutico, perché rappresenta il primo passo verso una soluzione, l'obiettivo principale deve essere, infatti, quello di smettere di giocare. Ma i risvolti della ludopatia sono molteplici, perché molto spesso il soggetto affetto ha dilapidato il patrimonio familiare, ha contratto debiti, ha compromesso la propria posizione lavorativa e, quasi sempre, anche quella affettiva. Trovare un percorso che renda meno complesso far fronte agli errori commessi - conclude Marina Marozzi - agevola certamente il soggetto e la sua famiglia nella difficile fase di lasciare il passato alle spalle e ricominciare con fiducia." 

Adoc Marche - Via XXV Aprile 37/a, ANCONA - Telefono 071/227531 Fax 071/2275380 - info@adocmarche.it - Privacy - Credits

Web Design e Developer